Crea sito
Privacy Policy  

associazione.gif

LE CANZONI CELTICHE

Anti-war song

L'ARRUOLAMENTO NELLA BRITISH ARMY

L’arruolamento nelle armate britanniche era a base volontaria, così nella seconda metà del 1600 e fino alla metà del 1800, giravano per le campagne i sergenti reclutatori accompagnati da un giovane tamburino: erano bravi a convincere i giovanotti già un po’ alticci che si trovavano nelle locande, a prendere  il famigerato scellino del Re (King’s Shilling).

Analoga disinvoltura per quanto riguradava gli ingaggi degli equipaggi per le navi da guerra.

Si faceva ricorso a metodi brutali con il sistema detto "impressment" ossia l'arruolamento forzato ad opera delle "press-gang" nel corso di retate di massa o con il pretesto dell'arresto per reati minori in cui il malcapitato anche solo perchè vagabondo e ubriaco finiva legato come un salame e imbarcato (spesso privo di sensi). 

L'arruolamento poteva avvenire anche in mare e "per causa di forza maggiore" dopo aver abbordato una nave mercantile!

IRLANDA

Dopo la vittoria del Boyne (1690) in cui l'Inghilterra segnò un punto fermo sul dominio dell'Irlanda, vennero approvate le Penal Laws che penalizzavano i cattolici, impedendo loro l'accesso a posizioni di potere negli affari pubblici e finanche diritti di proprietà sulla propria terra. Così molti furono i giovani irlandesi cattolici che cercarono la fortuna negli eserciti europei (che fossero possibilmente in lotta contro l'Inghilterra!): si stima che tra il 1690 e il 1730, 120.000 irlandesi salpassero per il continente europeo per prestare servizio militare in Francia, Spagna, Austria, Paesi Bassi, Russia, soldati che vennero chiamati Wild geese (in italiano le Oche selvatiche). Nel secolo successivo proprio allo scoccare del secolo una legge definita Act of Union, abolì il Parlamento Irlandese e Inghilterra e Irlanda divennero un'unica nazione, ovviamente la discriminazione verso i Cattolici era sempre la stessa anche se attutita da alcune "liberalità" o riforme prima fra tutte il Chattolic Emancipation Act del 1829; ora sebbene le Penal Laws proibissero l'arruolamento dei cattolici nell'esercito, il divieto venne tolto nel 1799, l'Inghilterra aveva bisogno di carne da cannone e anche quella irlandese poteva andare bene. Non dimentichiamoci che gli ufficiali erano sempre quelli della gentry protestante e un soldato cattolico poteva tutt'al più diventare sergente. E' stato stimato che nel 1830 il 42% di tutti i soldati dell'esercito britannico fossero irlandesi. L'Irlanda divenne sede di importanti reggimenti che, astutamente, venivano mandati a combattere lontano per l'impero britannico perchè quando restavano a casa avevano la tendenza a "simpatizzare" per i ribelli.

SCOZIA

Possiamo considerare la Scozia suddivisa in due parti non solo fisiche ma anche culturali, le Highland e le Lowlands: dopo la battaglia di Culloden (1746) la repressione contro giacobiti e simpatizzanti fu rivolta anche alla volontà di sottomettere totalmente la Scozia con una serie di Leggi (Act of Proscription), che comprendevano il divieto di indossare il kilt, di portare armi e suonare la cornamusa. Truppe governative si stanziarono nelle Highlands e costruirono Fort George a pochi kilometri da Inverness, la più grande fortificazione di artiglieria leggera d'Europa. 
Molti Highlander superstiti finirono tuttavia per entrare nei reggimenti dell'esercito britannico, paradossalmente proprio per preservare la loro identità

I SERGENTI RECLUTATORI

I sergenti reclutatori furono attivi dal 1700 e fino alla metà del 1800, specialmente tra il 1770 e il 1815. Giravano per le campagne accompagnati da un giovane tamburino: erano bravi a convincere i giovanotti già un po’ alticci che si trovavano nelle locande, a prendere  il famigerato scellino del Re.

John Collet (1725-1780). The Recruiting Sergeant

John Collet (1725-1780) The Recruiting Sergeant

Facevano leva sui disagiati, i mezzadri sfrattati e ridotti a lavorare come braccianti giornalieri, coloro che erano senza un mestiere e che vedevano nell'arruolamento l'alternativa per non morir di fame. I più ingenui si lasciavano vincere dal fascino dell'avventura o semplicemente erano troppo ubriachi. 

Andavano bene tutti gli uomini dai 18 ai 45 anni e per quanto riguarda la marina inglese bastava essere un semplice abitente della costa per essere "qualificato"!

LO SCELLINO DEL RE

recruiting_f.jpgUno dei trucchi più “civili” attuati dai “recruiters” per ‎infinocchiare il malcapitato di turno era presentarsi in una taverna, agganciare la vittima prescelta e ‎mettergli nella pinta di birra il cosiddetto “King's shilling”, lo scellino che rappresentava la diaria ‎del soldato. 

Il poveretto – il quale spesso e volentieri si trovava già un tantino alterato dall’alcol – il ‎più delle volte non riusciva a difendersi e veniva portato via con la forza. 

Ma quand’anche si fosse ‎opposto e fosse riuscito ad adire un giudice di pace, la legge prevedeva che potesse sottrarsi ‎all’arruolamento solo pagando una somma 20 volte superiore, cioè una sterlina circa, che quasi ‎nessuno poteva permettersi. 

(tratto da qui)


ARCHIVIO


"Arthur McBride and the Sergeant" è una canzone di protesta dalle origini irlandesi contro il reclutamento alle armi, sebbene esistano diverse versioni anche Scozia (il nome McBride è tipicamente scozzese). La sua diffusione tra la gente è la più eloquente espressione dell'antimilitarismo irlandese. continua

"Bantry girl's lament" E' del lamento di una ragazza di Bantry (Irlanda) perchè il suo amore è partito come soldato per combattere il Re di Spagna, una canzone di protesta ma anche di ribellione camuffata continua

"Polly on the Shore" è il lamento (ovvero l’addio) di un giovane marinaio arruolato a forza sulla British Royal Navy che finisce ferito a morte continua  

"Kerry recruit" Un giovane e sempliciotto ragazzo del Kerry (Irlanda sud-occidentale) che non aveva visto altro che il suo campo, decide di partire per l’avventura e si arruola nell’esercito britannico: siamo nella metà dell’Ottocento e il giovanotto è subito spedito, come carne da cannone, nella guerra di Crimea, all’epoca chiamata Guerra d’Oriente, la guerra russo-turca del 1853-1856. continua

"To be a Spalpeen" Spailpin (in inglese “spalpeen“) letteralmente ‘little scythe’ è “un bracciante assunto alla giornata o stagionale“, una figura molto comune nell’Irlanda rurale dal 17 al 20esimo secolo. A quei tempi la maggior parte dei contadini erano “tenant farmers” ossia mezzadri; avevano in uso una piccola e miserabile casetta di pietra, fango e paglia con un altrettanto piccolo pezzo di terra, appena grande abbastanza da sfamare una famiglia, in cambio dell’affitto pagato al proprietario, in genere latifondista. Quando sopraggiungevano le annate cattive (o quando arrivò la Grande Carestia dal 1840-1879) la maggior parte di questa gente non riusciva a pagare l’affitto e così o veniva buttata in mezzo alla strada, oppure mentre la moglie restava nella casa e cercava di sopravvivere con i figli, il marito andava a lavorare come bracciante stagionale.L’alternativa alla fame era andare per mare, arruolarsi come soldato, emigrare! continua

"Twa recruitin's sergeants" viene dalla trazione scozzese ed è quasi un documento storico della vita nelle bothy farm : così i reclutatori facevano breccia nella vita dei disperati, i giovani ragazzi che conducevano una vita grama. continua

"Will ye go to Flanders, my Mally, O?" Una Ballata scozzese risalente al 1600 o al 1700, in cui un soldato in partenza per le Fiandre, chiede alla fidanzata di seguirlo. Potrà assistere alla battaglia sull’alto di una collina, così com’era consuetudine dei tempi recarsi nei pressi dei campi di battaglia (a distanza di sicurezza ovviamente) per “gustarsi” lo spettacolo (come se la guerra fosse uno sport), sorseggiando bevande e mangiando qualche pasticcino. A questa scena idilliaca si contrappone la cruda realtà della morte, così il canto si pone tra le prime canzoni contro la guerra nella storia! continua

2.gif