Crea sito
Privacy Policy  

associazione

La ballata europea

goldmusic.gif

THE WELL BELOW THE VALLEY-O

 

Guercino_-_Jesus_and_the_Samaritan_Woman_at_the_Well_-_WGA10946.jpgLa ballata tradizionale The Maid and the Palmer.è diffusa con vari nomi un po' in tutta Europa. Nel Midi della Francia prevale il tema penitenziale con la donna nei panni di Maddalena; anche nei paesi scandinavi i due personaggi sono esplicitati come Gesù e Maria Maddalena: nonostante lei si dichiari fanciulla (e quindi vergine) Gesù dice di sapere che lei ha partorito tre figli, uno dal padre, l'altro dal figlio e il terzo dal prete locale.

 

Maddalena si ritira nel bosco per ottenere il perdono e vive di stenti per sette anni (durata variabile a seconda dell'area di provenienza): si ciba di erbe e di germogli dell'albero, beve rugiada, dorme sulla nuda terra, ed è molestata dalle belve feroci, ma alla fine quando rincontra Gesù che le chiede in merito alla penitenza, lei risponde di aver mangiato con abbondanza, aver bevuto vino e dormito su soffici piume in compagnia degli angeli, così ottiene da Gesù la promessa della salvezza (vedi).

MARIA MADDALENA

La Chiesa latina era solita accomunare nella liturgia le tre distinte donne di cui parla il Vangelo: Maria di Betania, sorella di Lazzaro e di Marta, l'innominata prostituta "cui molto è stato perdonato perché molto ha amato" (Lc. 7, 36-50) e Maria di Magdala (l'odierno Migdal) l'ossessa miracolata da Gesù.

Ne risultò una sintesi che portò a identificare Maria di Magdala con Maria di Betania e a fare di tre donne una sola, ma più in particolare a identificare con il nome di Maria Maddalena la prostituta che “portando un alabastro di profumo, piangendo, con le lacrime cominciò a bagnare i piedi di lui, e con i capelli del suo capo li asciugava e baciava i piedi di lui e li ungeva col profumo” (Lc. 7, 36-38). Anche Maria di Betania versa “una libbra di unguento di nardo” e con questa unge i piedi del Salvatore e li asciuga coi suoi capelli ma in un momento successivo “sei giorni prima della Pasqua, andò a Betania, ove era Lazzaro…e Marta serviva alla mensa”..

 

Nel Medioevo sono nate molte leggende sulla figura di Maria Maddalena e Jacopo da Varagine nel suo libro la "Leggenda Aurea" raccolse tutte i racconti per racchiuderli in un'unica versione in cui le tre Marie sono sincreticamente riunite in una.

 

Maria Maddalena.jpgMaria Maddalena era sorella di Marta e di Lazzaro. Nata da nobile famiglia di stirpe regale, dopo la morte dei genitori a lei fu data la piazzaforte di Magdala, a Marta toccò Betania ed a Lazzaro parte di Gerusalemme, tutte località che facevano parte della famiglia.

Quattordici anni dopo la passione del Signore, Maria Maddalena, Marta, Lazzaro ed altri cristiani furono dai pagani “posti su di una nave e spinti in mare senza nocchiero perché vi perissero; ma per volere divino giunsero a Marsiglia”. La tradizione vuole che sbarcassero nella Camargue, appunto in prossimità della città francese, zona di stagni e lagune presso la foce del Rodano, in una località detta Ratis e poi chiamata Saintes-Maries-de-la-mer (Sante Marie del mare), perché dalla nave sbarcarono, tra gli altri, le tre Marie: Maria di Giacomo il Minore, Maria Salome e Maria Maddalena, cioè le pie donne che, insieme alla Madre di Gesù, assistettero, secondo il racconto evangelico, alla crocifissione e morte del Salvatore.

 

La leggenda poi continua, narrando eventi miracolosi compiuti da Maddalena. “Frattanto la beata Maddalena, desiderosa di dedicarsi alla contemplazione delle cose celesti, si recò in una località desertica e vi rimase per trent’anni lontana dal consorzio umano, dimorando in un luogo impervio e selvaggio che le mani stesse degli angeli le avevano preparato. In questo luogo non scorreva acqua sorgiva né cresceva l’erba perché apparisse evidente che Cristo voleva nutrire la santa soltanto di cibo celeste e non di terrene vivande. Ogni giorno infatti, all’ora settima, gli angeli sollevavano nell’alto dei cieli la beata Maddalena, che poteva ascoltare, con le sue orecchie mortali, le celesti armonie: ritornata sulla terra, sazia di quel soavissimo cibo, non sentiva più alcun bisogno di nutrirsi”.

 

Il racconto prosegue poi, giungendo all’identificazione di questa donna che viveva in così dura penitenza: un sacerdote, che desiderava condurre vita solitaria, “pose la sua cella a dodici stadi dalla grotta della Maddalena” e, stupito e sconvolto alla visione di quella sublime e quotidiana ascesa, esclamò. …Se sei una creatura umana, tu che abiti in quella spelonca, rispondimi e dimmi la verità!”. E Maddalena rispose: “Ricordi di aver letto nel Vangelo di quella Maria peccatrice che con le proprie lacrime lavò i piedi del Salvatore e ottenne il perdono di tutti i peccati?…Io sono quella Maria e da trent’anni vivo lontana dal consorzio umano: come tu ieri hai potuto vedere, ogni giorno, dalle mani angeliche sono sollevata nel cielo dove posso ascoltare con le mie mortali orecchie la dolce melodia delle schiere elette…

 

Questa località desertica e la grotta sono stati identificati nel Priorato della Saint Baume ai piedi del Pic des Beguines, in cui accoglievano sia gli anacoreti che i cenobiti. (continua)

 

Il culto più attivo della Maddalena s'insediò poi a Rennes-le-Chateau in Linguadoca, proprio nel periodò in cui fiorì il Catarismo che la considerò alla stregua di grande iniziata e rappresentante del principio femminile del divino.

La chiesa a Rennes-le-Chateau fu consacrata a Maddalena nel 1059 e nel 1096, l'anno della Prima Crociata, ebbe inizio la costruzione della grande Basilica di santa Maria Maddalena a Vézelay.

 

Scrive ancora Jacopo da Varagine: “Al tempo di Carlo Magno, nell’anno 745, Girardo, duca di Borgogna, non riuscendo ad avere figli, donava gran parte dei suoi averi ai poveri e costruiva chiese e monasteri. Quando ebbe costruito il monastero di Vezelay, l’abate di quel convento, su richiesta del duca, mandò un monaco con una scorta alla città di Aix per vedere se poteva portare via i resti di Maria Maddalena che vi erano sepolti”.

Trovati i resti della santa, li portò al monastero, dove furono accolti dall’abate e dai frati in solenne processione.

 

MARIA MADDALENA EVANGELICA

Maria chiamata Maddalena, dalla quale erano usciti sette demoni" (Lc.8,2) era una donna malata (disturbata mentalmente e con disordini motori) e dopo la guarigione diventa la prima donna del gruppo delle discepole itineranti con Gesù.

Sempre prima la ritroviamo nella lista dei sinottici quando viene descritta la crocifissione e si nomina la presenza del gruppo delle donne, fedeli seguaci del Nazareno fin dalla predicazione sulle strade della Galilea, che assiste alla Passione (Mc 15,40;Mt 27,56; Lc 23,49-55;24,10)

 

scuola-caraveggesca.jpg

 

In questo dipinto di scuola caravaggesca del "Noli me tangere" Maddalena di Magdala è raffigurata con il vaso contenente l'unguento, proprio come ricorre nell'iconografia che la connota, così come è vestita di nero e con il manto rosso.


Nel racconto giovanneo la troviamo menzionata sotto la croce con "la madre, la sorella di sua madre, Maria di Cleofa" (Gv 19,25). Se nelle altre liste ha il privilegio di essere la prima, qui ha quello di essere associata al gruppo delle parenti strette.

 

La Maddalena è "presso la croce di Gesù", poi in veglia amorosa "seduta di fronte al sepolcro", infine, all'alba del nuovo giorno è la prima a recarsi di nuovo al sepolcro e a vedere il Cristo risorto da morte.

Alla Maddalena, in lacrime per aver scorto il sepolcro vuoto, Gesù si rivolge chiamandola semplicemente per nome: "Maria!" e a lei affida l'annuncio del grande mistero: "Va' a dire ai miei fratelli: io salgo al Padre mio e Padre vostro, al mio Dio e vostro Dio".

 


FONTI

http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=Child_d021
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=117495
http://mudcat.org/detail_pf.cfm?messages__Message_ID=2532375
http://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/
themaidandthepalmer.html

http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=117495
http://www.ephemera-society.org.uk/queries/2007/q6_08.html

http://www.thule-italia.com/recensioni/maddgnostici.html
http://digilander.libero.it/laquestedugraal
http://www.santamariamaddalena.net/
questione3marie/quest3marie.html

http://www.santamariamaddalena.net/
http://www.enrosadira.it/santi/m/mariamaddalena.htm
http://www.artearti.net/magazine/articolo/Maria_Maddalena
http://www.duepassinelmistero.com/Maddalena.htm
http://ontanomagico.altervista.org/catari.htm

 

(Cattia Salto agosto 2013)


 


2.gif