Crea sito

LA CUCINA TRADIZIONALE IRLANDESE

Isola verde per antonomasia ricca di pascoli l'Irlanda ha il suo punto di forza nell'allevamento del bestiame, essendo la sua cucina basata sulla carne e i prodotti caseari, nonché sui prodotti del mare.

La coltivazione delle patate portò in Irlanda una relativa abbondanza alimentare che contribuì a favorire il boom demografico a partire dal Settecento; finchè un fungo parassitario fece marcire i raccolti e provocò la grande carestia tra il 1845 e il 1849 (non poche furono le responsabilità politiche del governo inglese che intervenne solo in minima parte a favore degli Irlandesi più poveri, di fatto lasciandoli morire di fame - e siamo nell'ordine del milione, senza contare gli altri due milione di persone costrette ad emigrare per non morire di fame nella propria terra!).

"Oggi i cardini del mangiare irlandese sono patate e birra, con due robusti apporti proteici garantiti da agnello (montone) e salmone. Oltre a queste pietanze l'Irlanda trova un codice tradizionale nel suo pane. Ve ne sono diverse varietà, bianco o nero, e tra queste il più nutriente ed originale è il Soda Bread, la cui ricetta risalirebbe al 1840 ca.

In Irlanda oltre ad alcuni dei migliori agnelli del mondo, ci sono diversi tipi di formaggio. Testi dell'VIII sec. raccontano che i casari ne producevano una grande varietà: il tanag e il grus (pressati a latte scremato), il faiscre grotha (fresco anch’esso pressato), e il tath a cagliata acida. La diversità dei formaggi si deduce anche dai riferimenti ai coagulanti: non si usava soltanto caglio animale – sia di vitello che di agnello – ma anche muschio (carraigin) e una particolare varietà di viola (mothan). L'arte casearia contemporanea si basa invece sul Cheddar, il Cashel Blue, il St. Killian e l'affumicato Durrus.

Le aringhe pescate in questi mari sono molto pregiate, mentre il salmone (in grandi quantità), il merluzzo e le ostriche di Galway rappresentano i piatti a base di pesce maggiormente consumati. Il piatto mitico è l'Irish stew, uno stufato a base di collo di montone, patate e cipolle.

Tra i dolci segnaliamo le torte di mele o mirtilli o le porter cake fatti con frutta secca e birra. Ottimi gli scones, bianchi o scuri, con uvetta o senza, serviti in genere insieme ad una tazza di te scuro." (tratto da TaccuiniStorici.it)

Approfondimento

TACCUINI STORICI L’abbondanza dei pascoli e l’allevamento di animali sono parte fondamentale dell’identità di questo popolo, per il quale il bestiame ha rappresentato nella storia il principale mezzo di scambio. Lo storico anglo normanno Gerald of Wales che nel XII sec. scrisse a proposito dell’Irlanda: "Questa isola è ricca di pascoli e prati, miele e latte…". continua

RICETTE TIPICHE: ricette riproposte dal Bord Bia (ente di promozione del cibo irlandese) vedi